Progetto GHW

ghw

Titolo del Progetto

GRAPE&HEALTH WINE – Intelligent system of Global Actions to improve Health benefits of Italian Wine

Soggetti coinvolti

  • DECA
  • RINA Services SpA
  • Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”
  • Società per il Parco Scientifico Romano scarl
  • Azienda Vinicola Falesco s.r.l.
  • Dipartimento di Agraria dell’Università degli Studi di Napoli Federico II
  • Vigne & Vini s.r.l.
  • Tenuta di Donnafugata s.r.l.
  • Mater soc. cons. a r.l.

Sintesi

Il vino rappresenta uno dei principali prodotti su cui si basa la competitività internazionale del sistema alimentare italiano, da tempo riconosciuto come alimento in grado di fornire, se consumato nelle giuste quantità, effetti salutistici rilevanti. Le imprese vinicole italiane non hanno tuttavia saputo valorizzare, fino ad oggi, tale fattore, non avendo adottato sistemi completi in grado di misurare oggettivamente gli elementi che lo compongono, di controllarli simultaneamente e di agire lungo l’intera filiera per salvaguardarli e migliorarli, facendoli diventare una leva competitiva da comunicare al mercato come valore distintivo e riconoscibile della qualità del “made in Italy”, nell’ambito della dieta mediterranea.

Il progetto intende sviluppare un sistema tecnologico innovativo, operante secondo standard certificabili, ed integrato che consenta alle imprese vinicole italiane di tracciare, analizzare e intervenire in maniera oggettiva lungo le fasi della filiera per monitorare, preservare e migliorare i livelli nutrizionali e gli aspetti salutistici del vino, dal trasporto della materia prima in cantina fino al consumo finale.

Si tratta di un sistema tecnologico di gestione organizzativa integrato, totalmente Web Based, a tutti i livelli aziendali ed in interconnessione con altre realtà esterne, da far applicare agli operatori interessati della filiera vitivinicola italiana (ma utile anche per future applicazioni su altre filiere), che – attraverso misurazioni ed accorgimenti innovativi lungo i vari processi, basati su sensori, microrganismi, enzimi, software e tecnologie assistite – sarà in grado di fornire dati qualitativi e quantitativi in una forma standardizzata secondo i protocolli sviluppati. Il sistema GHW li elabora ed auto-impararerà nel tempo, grazie all’impiego di reti neurali e modelli fuzzy-logic, consentendo alle imprese di intervenire in maniera preventiva per assicurare al mercato un prodotto più sicuro e con effettive ricadute positive sulla salute.